Bimbo dimenticato in auto: che fine ha fatto il decreto anti abbandono?

A Catania un bimbo di due anni è morto dopo essere stato dimenticato in auto dal papà che doveva accompagnarlo all’asilo. Una storia che si ripete. A ottobre 2018 una legge rendeva obbligatorio un allarme anti abbandono sui seggiolini. Ma l’Europa ha bocciato il testo.

Stavolta è successo a Catania, dove un papà di 43 anni ha dimenticato il figlioletto di due anni in macchina. Doveva accompagnarlo all’asilo e invece il piccolo è rimasto sul seggiolino per cinque ore, sotto il sole rovente che non gli ha lasciato scampo. Ennesimo caso, ennesima morte che poteva essere evitata. Come? Dando una spinta a quella legge ferma ad ottobre 2018, che dal 1° luglio avrebbe dovuto rendere obbligatorio il dispositivo anti abbandono su tutti i seggiolini per auto.

«Sono arrabbiato, la burocrazia uccide, la lentezza uccide, l’inefficienza uccide. Perché non è stato possibile rispettare i tempi previsti? Faccio questa domanda ai politici, voglio una spiegazione» è il commento di Andrea Albanese, papà che a Piacenza, nel 2013, dimenticò in auto il piccolo Luca di due anni. Da allora, la sua battaglia è per evitare che altre vite innocenti vengano perdute. «Si proceda subito, la legge c’è già, va solo fatta applicare, non sono ammissibili ulteriori ritardi»

La legge c’è, è vero, ma l’Europa ne ha bocciato il testo e dunque il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti lo sta riscrivendo. Una volta pronta, la nuova bozza passerà al Consiglio di Stato che in 120 giorni si occuperà di valutarla. Qualora venissero rilevate altre lacune, la palla tornerebbe al Ministero. E così via. Fino ad arrivare poi nuovamente in Europa per l’approvazione ultima. I tempi? Probabilmente non avremo una legge definitiva prima del 2020.

Che cosa è stato contestato della vecchia bozza ministeriale? Innanzitutto l’allarme anti abbandono non deve compromettere le funzionalità del seggiolino. Questo riguarda non i nuovi seggiolini (che avrebbero il sistema già integrato), ma i vecchi che dovrebbero essere sottoposti a modifiche per risultare a norma. Inoltre, l’allarme anti abbandono, che dovrebbe scattare nel momento della discesa dall’auto, sarebbe collegato ad un App scaricabile sul proprio smartphone. Ma se non dovesse esserci campo? Domanda a cui servono risposte immediate.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: